Vergognoso a Nola – malati a terra per essere curati… E allora ricordiamo Gino Strada: “La sanità Italiana era una delle migliori e l’hanno distrutta per interessi, sprechi, corruzione e fatturato, altro che tutelare la salute. Insomma, hanno cancellato la Costituzione.” !!

.

.

malati

.

.

.

SEGUITECI SULLA PAGINA FACEBOOK Curiosity

.

.

 

Vergognoso a Nola – malati a terra per essere curati… E allora ricordiamo Gino Strada: “La sanità Italiana era una delle migliori e l’hanno distrutta per interessi, sprechi, corruzione e fatturato, altro che tutelare la salute. Insomma, hanno cancellato la Costituzione.” !!

 

Nola, malati a terra: sospesi tre dirigenti. La replica: “Meglio che non curarli”

Il direttore sanitario dell’ospedale, il responsabile del pronto soccorso e il responsabile della medicina d’urgenza sono stati sospesi dal servizio in attesa dell’esito delle indagini interne

Ospedale di Nola, sospesi tre dirigenti dopo le immagini dei pazienti soccorsi sul pavimento. Lo ha annunciato la responsabile della Asl Napoli 3 Sud, Antonietta Costantini.

Il direttore sanitario dell’ospedale, Andreo De Stefano, il responsabile del pronto soccorso, Andrea Manzi, ed il responsabile della medicina d’urgenza, Felice Avella, sono stati sospesi dal servizio in attesa dell’esito delle indagini interne per verificare le eventuali responsabilità della situazione che ha portato a sistemare due malati sul pavimento per prestare loro i primi soccorsi. Si tratta di una donna anziana e un infartuato.

L’ispezione. In mattinata i carabinieri del Nas hanno ispezionato il nosocomio.  Sono stati inviati dal ministro della Salute Beatrice Lorenzin al ” Santa Maria della Pietà“, nel napoletano,  dopo le denunce sulle condizioni in cui sono stati accolti, su materassi per terra, alcuni malati.

E il governatore de Luca, dopo aver convocato tutti i responsabili delle Asl e delle aziende ospedaliere della Campania, ha chiesto di “avviare immediatamente le procedure di licenziamento dei responsabili del pronto Soccorso e del presidio ospedaliero di Nola”.

La replica. Il direttore sanitario, Andreo De Stefano, ha difeso il lavoro e le scelte fatte: “Abbiamo preferito curare le persone a terra piuttosto che non dare loro assistenza. In ospedale abbiamo 15 barelle, 10 delle quali al pronto soccorso, e sabato ne abbiamo ‘sequestrate’ due alle autoambulanze per far fronte all’emergenza venutasi a creare”.

“Una di quelle persone era in arresto cardiaco, ma che dovevamo fare senza letti né barelle, mandarla via? I medici hanno preferito fare la defibrillazione sul pavimento, pur di salvarle la vita come è accaduto”, spiega Andreo De Stefano. A suo giudizio le immagini difuse dai media, “non hanno dato una bella immagine dell’ospedale, ma era l’unica soluzione per far fronte all’emergenza”. “L’altra persona ritratta a terra – ha raccontato – era stata messa in posizione antisoffocamento perché era in preda al vomito”

“Trenta dei 265 utenti arrivati al pronto soccorso – ha aggiunto il direttore sanitario – sono stati ricoverati, e due persone sono state portate in altri nosocomi. Si pensi che c’era anche l’emergenza acqua, ed avevamo allertato la prefettura per poter avere qualche autobotte, poi fornitaci dai vigili del fuoco”.

Nola, il direttore sanitario: “Quelle foto sono brutte, ma abbiamo assistito tutti”

“Qui – ha concluso De Stefano – arrivano persone dall’agro sarnese, dal vesuviano, dal nolano, dall’avellinese, dall’acerrano, per un’utenza di circa 300mila persone. Ma i medici fanno il loro dovere, e danno assistenza nel migliore dei modi possibili, considerando anche che l’ospedale ha 107 posti letto a disposizione, e ne sarebbero necessari, nella norma, almeno il doppio. Noi non ci scoraggiamo, e siamo sereni, siamo pronti a chiarire tutto quanto ci sarà chiesto di chiarire. Ripeto, quella di sabato è stata un’emergenza che definire eccezionale è poco”.

L’ospedale dopo la denuncia. Oggi nessun paziente a terra, ma sono ancora molti gli utenti del pronto soccorso dell’ospedale di Nola (Napoli), assiepati su sedie e barelle in attesa di visita o dell’eventuale ricovero, e gli operatori sanitari parlano di situazione che resta comunque “critica”.

“Speriamo di non arrivare al punto di sabato – ha spiegato un medico in uscita dall’ospedale – il 118 è stato allertato, ma le autoambulanze continuano ad arrivare. Per ora abbiamo pazienti sulle sedie e sulle barelle, nessuno fortunatamente a terra”. Della visita dei Nas, per ora, c’è riserbo assoluto, ma i medici tengono a precisare che nessuno degli utenti che arriva in ospedale “è lasciato senza cure”.

In una nota, la Regione Campania ha chiarito che “il 90% di chi si è rivolto al Pronto soccorso è stato dimesso, a conferma del fatto che ci si è rivolti alla struttura ospedaliera anche per problemi di ridotto rilievo medico a causa della chiusura degli studi medici. A mò di esempio – aggiunge la nota – si chiarisce che al pronto soccorso dell’Ospedale pediatrico Santobono di Napoli, dal 1° gennaio, su 2.019 accessi, solo 154 hanno richiesto un ricovero”.

In ogni caso, si sottolinea, “ognuno dei pazienti effettivamente bisognoso di cure, ha ricevuto le prestazioni necessarie”. Si è deciso, infine, di dar vita a postazioni straordinarie di continuità assistenziale nei presidi con Pronto soccorso di maggiore afflusso, con il coinvolgimento di medici territoriali.

Le reazioni. “Sull’ospedale di Nola é singolare che De Luca commissioni un’indagine su sé stesso. Invece di cercare il capro espiatorio, il Governatore della Campania risponda garantendo più servizi”. Interviene con un post su Facebook il sindaco di Nola, Geremia Biancardi.
“De Luca – aggiunge Biancardi – garantisca più servizi, a cominciare dalla cardiologia interventistica che deve essere assicurata per 24 ore al giorno. Servono tac, risonanze e soprattutto più medici, in primis gli ortopedici”. Il sindaco di Nola annuncia anche che il Comune si costituirà “parte civile in ogni eventuale procedimento contro l’azienda”, affermando che nel frattempo avrebbe fatto sentire la propria “voce. Forte”.

L’ intervento degli ispettori era stato annunciato dal sottosegretario alla Difesa, Gioacchino Alfano. “Chiedo al presidente De Luca di prendere provvedimenti seri –  interviene Alfano coordinatore regionale del Nuovo Centrodestra in Campania – anche perchè  in Campania ci sono tante strutture di eccellenza, così come tantissimi medici straordinari. E’ ingiusto che tutte queste nostre eccellenze poi vengono confuse con queste situazioni al limite del paradossale”.Il caso Nola è esploso ieri sui Social dopo che i parenti di alcune persone ricoverate hanno pubblicato le foto dei loro cari assistiti per terra, perchè al pronto soccorso non c’erano più letti nè barelle.

Il Governatore Vincenzo De Luca ha avviato un’indagine interna.

“Sono sempre stata convinta che le istituzioni abbiano il compito di meritarsi la fiducia dei cittadini giorno per giorno, agendo nell’interesse e nel rispetto soprattutto dei più deboli- scrive su Facebook Pina Picierno, europarlamentare del Pd – A quei pazienti ed a tutti i cittadini che utilizzano quell’ospedale di Nola e anche ai medici ed agli operatori costretti a lavorare in quelle condizioni dovrebbero innanzitutto andare le scuse di tutti gli enti coinvolti e la promessa che un tale scempio non si verifichi mai più. Dopodiché – aggiunge – si proceda velocemente ad individuare le responsabilità e si agisca di conseguenza”.

Un esposto in Procura ed una class action per risarcimento danni viene annunciata da Angelo Pisani, a nome di Noiconsumatori.it. “Chiediamo – dice Pisani – l’intervento della magistratura per la punizione dei responsabili e di chi non è stato capace di far

rispettare i fondamentali diritti Costituzionali e lancia una campagna di mobilitazione fra coloro che stanno subendo simili, pesanti violazioni e disagi chiamando a raccolta anche i loro familiari”. “Stiamo verificando le tante segnalazioni già ricevute – aggiunge – per avviare una class action con le conseguenti richieste di risarcimento danni per le vittime e familiari umiliati e mortificati, che non solo serviranno a fare giustizia per le vittime di tanto abbandono”.

fonte: http://napoli.repubblica.it/cronaca/2017/01/09/news/sanita_nola_ispettori-155668967/

E allora ricordate Gino Strada?

L’intervento shock di Gino Strada. La sanità Italiana era una delle migliori e l’hanno distrutta per interessi, sprechi, corruzione e fatturato, altro che tutelare la salute. Insomma, hanno cancellato la Costituzione!

Intervento shock di Gino Strada in tv. La sanità?Interessi, sprechi,corruzione e fatturato, altro che tutela della salute. La definisce un’azienda e non un servizio pubblico per il cittadino.

Secondo Gino Strada la sanità è un’azienda dove l’interesse non è più la salute delle persone ma il fatturato,ciò è dimostrato dall’introduzione del “rimborso a prestazione” (ogni medico viene sovvenzionato in base alle prestazioni svolte).Qual’è allora la differenza tra ospedali e medici pubblici e privati?Nessuna.Il rimborso a prestazione spinge secondo Strada i medici alla delinquenza portandoli a fare sempre più interventi, anche se non sempre necessari, in modo da aumentare il fatturato.In questo modo curare definitivamente un paziente non rientra nel loro interesse.

Senza tale rimborso invece il discorso è ben diverso in quanto, essendo pagati sempre allo stesso modo, ai medici conviene curare definitivamente un paziente in modo da lavorare sempre di meno per prendere lo stesso stipendio.Questo ed altri dettagli nell’intervento di Gino strada, il quale fa anche una proposta coraggiosa alla fine del video.

 

 

Gino Strada descrive la Sanità italiana oggi. Gli interessi economici sono sempre più forti. Quanti sprechi evitabili?Quanto denaro rubato? Una proposta coraggiosa viene illustrata alla fine del video.

 

 

Precedente La pasta Italiana dei grandi marchi: un imbroglio al Glifosato !! Successivo Farmaci - Ecco come il marketing banalizza le cure per vendere di più ...ovviamente sulla nostra pelle!